close
close
Menu
La giovinezza

La giovinezza

Cirillo e Metodio nacquero a Tessalonica (l’odierna Salonicco) da una illustre famiglia della città. Il loro padre, Leone, ricopriva la carica militare di drungario (chiliarca). Cirillo, il più piccolo di sette figli, nacque attorno all’826-827, Metodio, invece, nell’815 circa. L’ottima istruzione ricevuta dai due fratelli, unitamente all’appartenenza ad una famiglia prestigiosa, permise loro di entrare in contatto con l’élite aristocratica e di farsi strada verso una brillante carriera.

Metodio intraprese un percorso di studi riservato a coloro che cercavano di ottenere una posizione nell’alta gerarchia amministrativa dello Stato bizantino. Fu messo a capo di una comunità slava, dove imparò la lingua locale. Dopo alcuni anni abbandonò l’incarico per ritirarsi sull’Olimpo di Bitinia, monte sacro per il monachesimo. Si stabilì in uno dei monasteri del luogo e si dedicò alla preghiera e allo studio della teologia.

Cirillo fin da piccolo mostrò di avere una spiccata capacità di apprendimento. Infatti, all’età di soli 14 anni conosceva a memoria le opere di Gregorio il Teologo. Più tardi si recò a Costantinopoli per proseguire gli studi sotto la guida di Teoctisto, ufficiale supremo dell’impero. Studiò, tra le altre discipline, matematica e filosofia, mostrandosi particolarmente portato anche per le lingue straniere. Imparò, infatti, lo slavo, il latino, l’ebraico, il siriaco, il samaritano, l’arabo, il cazaro. In seguito, questi studi gli valsero il soprannome di “Filosofo” e gli diedero la possibilità di far carriera fino a diventare impiegato superiore dell'amministrazione imperiale. Teoctisto, deluso dal rifiuto di Cirillo di unirsi in matrimonio alla figlia Teti ma anche determinato a non perdere una persona di tale valore, gli offrì il posto di cartofilace nella biblioteca patriarcale della chiesa di Santa Sofia a Costantinopoli. Con tutta probabilità, accettò l’incarico e divenne diacono nell’850. L’anno successivo fu nominato professore di filosofia dell’Università di Costantinopoli.

Facebook Twitter Google+ Pinterest
X

Right Click

No right click